Caccia allo storno: presentata un’interrogazione alla Commissione Europea

index.jpgPesa circa 80 grammi, eppure è responsabile, secondo la Coldiretti Emilia Romagna, del 15% dei danni alle colture, per un ammontare di 207mila euro nel 2014.

Tale è l’impatto sulle coltivazioni dello Sturnus vulgaris – più comunemente, storno. Un piccolo volatile, in grado, però, di mettere a rischio il reddito delle imprese e l’occupazione del settore agricolo.

In conformità all’allegato II della Direttiva 147/2009/CE, lo storno non è oggi inserito tra le specie cacciabili in Italia, con grave danno sia all’economia – vengono colpite soprattutto le colture di qualità e ad alto valore aggiunto, quali frutteti e vigneti- sia all’ecosistema – la popolazione di storno costituisce, in questo numero, una minaccia alla biodiversità.

Eppure lo storno è al nono posto tra le specie di uccelli più presenti in Italia e la sua popolazione è in costante aumento – dati ISPRA.

Per questo ho presentato, con la mia collega Renata Briano, un’interrogazione alla Commissione Europea per modificare la normativa europea ed inserire lo storno tra le specie cacciabili in Italia, a tutela dell’ambiente e delle colture del nostro territorio.


Una risposta a "Caccia allo storno: presentata un’interrogazione alla Commissione Europea"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...