Touroperator: riflettere sulle migrazioni attraverso l’arte

img_0853na mostra che ad un primo sguardo può sembrare una semplice esposizione di sculture di legno, ma che nasconde un significato più profondo; è questo il senso che l’artista Massimo Sansavini ha voluto dare alle sue opere; opere realizzate col legno dei barconi dei migranti arrivati a Lampedusa e che Sansavini ha avuto l’autorizzazione ad utilizzare.

Forme e colori che ricordano i fondali marini ma che custodiscono il dramma di chi è morto in mare cercando di raggiungere l’Europa per scappare da guerra e sofferenza.

Ogni opera ha come titolo una data, è la data di un naufragio, ed ogni elemento dell’opera corrisponde ad una persona morta in quel giorno.

Scrive l’autore:

Questa mostra vuole essere la voce dell’arte contemporanea in relazione al fenomeno delle migrazioni, una ricerca durata tre anni, un percorso a “ritroso” verso l’isola di Lampedusa per andare a raccontare con la voce dell’arte una realtà che abbiamo oramai quotidianamente, sotto agli occhi.

Interrogarsi porsi delle domande affrontare la realtà, questo è il compito dell’artista oggi.

Sicuramente il fenomeno delle migrazioni è uno degli eventi che cambierà la nostra società e quella delle future generazioni in modo irreversibile

Massimo Sansavini

Abbiamo avuto il piacere di ospitare Sansavini e di inaugurare ieri la mostra insieme ad alcuni colleghi, qui le foto dell’inaugurazione:

 Inaugurazione mostra "Touroperator"


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...