Centro meteo europeo a Bologna: un successo per l’Emilia Romagna e per l’Italia

centro_meteoL’assemblea del Centro meteo europeo (ECMWF) ha oggi deliberato la scelta di Bologna quale nuova sede del Data Center di questa istituzione scientifica d’importanza continentale, finora di stanza a Reading, in Inghilterra. Il progetto è stato attivamente sostenuto dal Governo Italiano, che lo ha candidato in sede europea, ed era stato avanzato dalla Regione Emilia-Romagna e dalla città di Bologna con il supporto delle organizzazioni ed istituzioni del settore.

Il Centro meteo è una organizzazione intergovernativa formata da 20 Stati europei, che stava valutando lo spostamento della propria sede in ragione delle migliori possibilità offerte in Europa nel campo della ricerca scientifica in campo ambientale. Durante l’istruttoria, durata diversi mesi, erano emerse diverse città candidate oltre a Bologna: Exeter e Slough in Inghilterra, ma anche Lussemburgo e le nordiche Espoo (Finlandia) ed Akureyri (Islanda); inoltre, è stata valutata la possibilità di lasciare il Data Center nell’attuale sede di Reading.

Il Consiglio del ECMWF ha riconosciuto la validità del progetto bolognese: oltre ai servizi ed alle infrastrutture che verranno sviluppati ad alto livello nell’area dell’ex Manifattura tabacchi, la città offre, nel punto di vista del Centro meteo europeo, rilevanti opportunità di sinergie tecnico-scientifiche che si potranno realizzare a Bologna tra l’ECMWF e i numerosi centri di ricerca e non solo presenti sul territorio regionale e nazionale.

Credo, anche come componente della Commissione ambiente del Parlamento europeo, che questa scelta sia un importante successo di un territorio, come quello bolognese, che ha saputo puntare sulle proprie eccellenze in termini di ricerca scientifica, e sia inoltre una dimostrazione di quanto successo l’Italia e può avere quando enti ed organizzazioni di tutti i livelli sanno fare un gioco di squadra, individuare obiettivi all’altezza ed ottenere la soddisfazione di raggiungerli. Bologna si confermerà ancora di più, ad oltre nove secoli dalla fondazione dell’Università, un punto di riferimento per la ricerca, l’elaborazione scientifica e la circolazione della conoscenza.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...