Parlamento Europeo: approvata una risoluzione per i diritti umani dei lavoratori del tessile

worker-13550_640.jpgAbbiamo approvato giovedì al Parlamento Europeo una risoluzione per incoraggiare la Commissione a affrontare la questione di diritti umani per i fornitori di tessuti e di abbigliamento. Parte dei prodotti della filiera tessile importati costano grande sofferenza e violazione dei diritti umani in paesi con Bangladesh, Vietnam, Cina e Cambogia, dove il costo del lavoro è molto basso, così come le condizioni di lavoro e la tutela dei dipendenti.  La continua ricerca di manodopera a costi bassissimi è una pratica che, peraltro, danneggia anche l’industria UE, provocando il cosiddetto dumping sociale.

Non possiamo più far finta di niente, per questo servono obblighi vincolanti di trasparenza, bisogna lavorare sulle etichette per rendere visibile l’impatto sociale della produzione e le Istituzioni devono essere le prime a dare l’esempio nei loro appalti sui prodotti tessili.

Tragedie come quella di Rana Plaza, dove morirono più di 1100 persone a seguito del collasso di una fabbrica, in Bangladesh, non devono più verificarsi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...