How do EU feel? Capitolo 4 – Chiara

How do EU feel?

how do eu feel def

Capitolo 4 – Chiara

Il giro del mondo in 80 giorni… neanche fossero ancora ai tempi di Phileas Fogg e del fido Passepartout, questa è stata la lettura adolescenziale che mi ha instillato la passione per il viaggio e il desiderio di conoscere ogni lingua e dialetto del mondo per viaggiare in piena autonomia e senza confini. Un desiderio infantile, certo, ma anche un indizio della mia inclinazione alla scoperta e del desiderio al confronto con ciò che è diverso.

Dopo il liceo linguistico ho studiato con passione Scienze Politiche a Padova, e, finita la magistrale, ammetto di essermi sentita un po’ persa. Volevo avere delle esperienze al di fuori dell’Italia per crescere, ma la mia solida conoscenza teorica delle relazioni internazionali non mi aveva dato una visione chiara su come muovere i miei primi passi nel mondo del lavoro.

Un momento di svolta è arrivato nel 2013 quando sono stata selezionata per lo Youth 8, la simulazione ufficiale per i giovani del G8, patrocinata dai Ministeri degli Esteri dei paesi del gruppo. L’evento si è svolto a Londra e mi ha permesso di conoscere giovani straordinari provenienti da tutto il mondo. Sono rimasta così ispirata dalle esperienze di queste persone che ho deciso di provare a cambiare la mia vita.

Mi sono trasferita a Londra pochi mesi dopo e ho cominciato a fare la stagista prima con la sezione di Islington del Labour Party e in seguito con il Segretariato internazionale di Amnesty International. Tra il rimborso spese degli stage, il lavoro nei pub e il sostegno della mia famiglia sono riuscita a sopravvivere un anno per poi trovare lavoro nel terzo settore in una charity che si occupa di salute mentale.

Vivendo nel Regno Unito ho imparato quanto all’estero il volontariato conti per trovarsi un lavoro nel proprio ambito d’interesse.

Il mio desiderio più grande è quello di potermi occupare di diritti umani e ambiente come advocate e anche in questo caso posso dire che lo Youth 8 mi ha cambiato la vita. Tra i membri della delegazione Italiana c’era Federico Brocchieri, un giovanissimo esperto in ambito ambientale che già collaborava con l’organizzazione giovanile Italian Climate Network.

Le amicizie che si fondano su grandi ideali sono quelle che ti fanno dare il meglio di te, e rimanendo in contatto con Federico ho cominciato a collaborare con l’associazione per poi diventarne nel 2015 Coordinatrice della Sezione Donne, Diritti e Clima. Da allora in ogni momento libero mi dedico alle attività dell’organizzazione, esplorando i diversi aspetti del legame tra diritti umani e cambiamento climatico e partecipando alle più importanti conferenze della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC COPs).

Ho avuto modo di incontrare personalità importanti come Patricia Espinosa, Segretario Esecutivo dell’UNFCCC, attivisti ed esperti provenienti da ogni parte del mondo e di essere spettatrice di momenti storici come l’adozione dell’Accordo sul Clima di Parigi.

Niente di tutto questo sarebbe stato possibile se non fossi stata una cittadina europea. Le libertà e i diritti che l’Unione Europea garantisce continuano a creare opportunità di lavoro e crescita personale per tantissime persone.

Le incertezze che la Brexit sta portando nel Regno Unito hanno fatto mobilitare tantissimi giovani europei, britannici compresi, perché non vengano messe in discussione le tutele implementate nei Paesi dall’UE. Nonostante le sue imperfezioni, il progetto alla base dell’Unione Europea ha garantito 70 anni di pace e collaborazione in Europa, e permesso a persone comuni come me di costruirsi un futuro migliore.

L’autrice

Chiara Soletti_picChiara ha 30 anni e vive e lavora a Londra nel campo del non-profit. Si è laureata magistralmente a Padova in scienze politiche e i temi che più l’appassionano sono i diritti umani e il cambiamento climatico. Per questo del 2015 si è unita all’associazione Italian Climate Network come Coordinatrice della Sezione Donne, Diritti e Clima.

 

How do EU feel

Il progetto

Le altre storie


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...