Biciclette elettriche e concorrenza cinese sleale: presentata un’interrogazione alla Commissione Europea

ebike-635544_1920Le biciclette elettriche con pedalata assistita hanno rivoluzionato il modo di spostarsi e dato ad un segmento della popolazione accesso ad un nuovo modo di trasporto. E aperto un nuovo mercato che dà lavoro a 100 mila persone.

Le aziende europee investono ogni anno oltre un miliardo in ricerca, ma, nonostante il primato tecnologico, rischiano di vedere i propri investimenti vanificati dalla concorrenza sleale dei produttori cinesi.

Pechino infatti finanzia i propri produttori con sussidi governativi che pesano dal 30% al 50% del prezzo del prodotto pronto per l’esportazione. Un’enormità. Il motivo? Invadere i mercati internazionali e sbaragliare la concorrenza.

Alla luce di questo ho deciso di presentare alla Commissione Europea un’interrogazione per tutelare i produttori europei di e-bikes, in modo analogo alla protezione assicurata dal 1993 ai produttori di biciclette tradizionali.

Qui il testo dell’interrogazione


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...