Il Parlamento vota a favore degli apicoltori europei: più attenzione ai produttori e lotta alla concorrenza sleale

Il settore dell’apicoltura è parte integrante dell’agricoltura europea e assicura un reddito a più di 620 000 cittadini dell’Unione Europea. L’importanza dell’apicoltura è ovvia anche nel mantenimento dell’equilibrio ecologico e nella conservazione della biodiversità.  Tuttavia, gli apicoltori nell’UE oggi sono in una situazione difficile e numerosi fattori rendono problematica la loro attività agricola.

apicoltura-620x349Oggi, abbiamo votato in seduta plenaria a Bruxelles una Relazione sulle Prospettive e le sfide per il settore dell’apicoltura dell’UE. La Relazione è passata con 560 voti positivi, e prevede di potenziare il settore dell’apicoltura nell’UE, nonché di proteggerlo dalla concorrenza sleale.

Innanzitutto, il problema di gran lunga più grande è la diffusione del miele contraffatto sul mercato interno dell’UE, a causa della quale nei principali paesi produttori di miele il prezzo di acquisto alla fine del 2016 si è dimezzato rispetto al 2014. La contraffazione riguarda quasi totalmente il miele d’importazione che arriva nell’UE dalla Cina, dove il miele viene prodotto con metodi che ne abbassano drasticamente la qualità. Il Parlamento ha proposto che la Commissione costringa i produttori di miele di paesi terzi che utilizzano metodi sleali a rispettare le normative. In particolare, il Parlamento ha proposto di sviluppare metodi di analisi di laboratorio capaci di intercettare le contraffazioni

È necessario riconsiderare anche il sostegno dell’Unione agli apicoltori. Mentre il patrimonio apistico tra il 2004 e il 2016 è aumentato del 47,8 %, nello stesso lasso di tempo il bilancio dei programmi nazionali apicoli è cresciuto solo del 12 %, il che corrisponde solamente al 3 per mille del bilancio della PAC (Politica Agricola Comune). Sarebbe perciò opportuno aumentare del 50 % anche il bilancio dei programmi nazionali volto all’apicoltura nell’UE.

Anche la promozione dell’uso del miele nell’UE è importante, dal momento che il livello del consumo annuale di miele è insufficiente in molti paesi europei. Il Parlamento ha perciò invitato la Commissione a presentare una relazione sul grado e sulle abitudini di consumo di miele nell’UE.

L’apicoltura e gli apicoltori devono essere maggiormente al centro della politica agricola comune dell’UE. La futura politica agricola deve alzare il profilo dell’apicoltura, nonché il sostegno ad essa, rispetto alla situazione attuale.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...