Iran: 45 anni di prigione perchè cristiani.

Condannati solo perché cristiani e praticanti: questa è la colpa di Victor Bet-Tamraz, Amin Afshar-Naderi, Shamiram Issavi e Hadi Asgari, arrestati dopo che le forze di sicurezza in borghese hanno fatto irruzione nelle loro abitazioni di Teheran durante un privato raduno natalizio.

Sono stati presi di mira esclusivamente per aver praticato pacificamente la loro fede cristiana. Complessivamente sono stati chiesti per loro 45 anni di carcere.

I quattro sono accusati di aver organizzato e condotto messe in casa e di aver viaggiato fuori dall’Iran per partecipare a seminari cristiani: prove che hanno fatto scattare il reato di “minaccia alla sicurezza nazionale“. Yousef Nadarkhani è in carcere, mentre gli altri tre sono liberi su cauzione. Tutti sono in attesa del verdetto del tribunale d’appello.

Io ho già firmato l’appello di Amnesty International per fermare la condanna, Victor Bet-Tamraz, Shamiram Issavi, Amin Afshar-Naderi e Hadi Asgari sono stati presi di mira unicamente per l’esercizio pacifico dei loro diritti alla libertà di religione e credo, espressione e associazione.

Qui il testo dell’appello, che vi invito a firmare a questo link: https://www.amnesty.it/appelli/45-anni-prigione-perche-cristiani/

Head of the Judiciary
Ayatollah Sadeghi Larijani
c/o Public Relations Office
Number 4, Dead end of 1 Azizi
Above Pasteur Intersection
Vali Asr Street, Tehran, Iran

Eccellenza,

Le scrivo come sostenitore di Amnesty International, l’organizzazione non governativa che dal 1961 lavora in difesa dei diritti umani, ovunque siano violati.

Le chiedo di annullare le condanne di Victor Bet-Tamraz, Shamiram Issavi, Amin Afshar-Naderi e Hadi Asgari, in quanto presi di mira unicamente per l’esercizio pacifico dei loro diritti alla libertà di religione e credo, espressione e associazione, attraverso la loro fede cristiana.

La invito a fermare le molestie, l’arresto arbitrario, la detenzione e l’incarcerazione di cristiani, compresi i convertiti, in Iran.

La sollecito a rispettare il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione, inclusa la libertà di avere o di adottare o cambiare una religione o convinzione di propria scelta. La sollecito a rispettare il diritto alla libertà, individualmente o in comunità con altri e in pubblico o privato, di manifestare la propria religione o credo nel culto, osservanza, pratica e insegnamento, come garantito dal Patto internazionale sui diritti civili e politici, di cui l’Iran è parte statale.

La ringrazio per l’attenzione.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...