PFAS, persa una prima battaglia ma continua l’impegno con chi vuole risolvere concretamente i problemi

Risultati immagini per no pfasFin da quando la Commissione europea ha presentato la nuova Direttiva sulle acque potabili mi sono impegnato per ottenere una riduzione dei limiti di PFAS, incontrando diverse volte le mamme e gli altri comitati del territorio e presentando interrogazioni ed emendamenti.
Grazie ad un mio compromesso votato in commissione Ambiente a settembre eravamo riusciti ad abbassare il limite di PFAS totali del 40%.
Oggi, nel voto in plenaria, l’intera delegazione del Pd ha votato l’emendamento per un limite quasi-zero proposto dal Movimento 5 Stelle e dalla GUE. Non essendo passato, il M5S ha votato il compromesso da noi ottenuto in commissione Ambiente. Non è passato nemmeno questo.
È passato, proposto dal PPE, un emendamento addirittura peggiorativo che distingue PFAS a catena corta e PFAS a catena lunga.

Abbiamo perso una battaglia importante (ma non quella finale!). Questa sconfitta ci insegna una cosa importante. Innanzitutto dobbiamo informare meglio e di più: la sfida deve diventare europea. Per avere dei limiti più bassi ma soprattutto per i gravi rischi che i PFAS portano a tutti i cittadini europei.

Ora non servono le inutili polemiche o la propaganda di partito. Bisogna ricercare alleanze. Sfidiamo ora anche la Lega che governa in Veneto e in Italia a lavorare insieme. È inutile proporre lo zero assoluto e avere zero alleati per raggiungere gli obiettivi. Il mio impegno prosegue e sono a disposizione dei Comitati e del territorio per elaborare una strategia adeguata e agire in primo luogo sul governo nazionale che in sede di Consiglio dell’UE si batta per ridurre i limiti.

Con l’occasione desidero ringraziare i comitati, le associazioni, le mamme e i papà del territorio per la costante presenza sul tema e per essere testimoni di cittadinanza attiva attenta ed esigente. L’Europa bella dei territori e delle persone.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...